LINGUA RUSSA

Aperitivo e lezione di russo gratuita al Narghile Hookah Art

Corso di Russo Roma vi invita giovedì 6 Ottobre a una lezione di russo gratuita: impareremo l'alfabeto cirillico e i modi per presentarsi. L’incontro si terrà presso il Narghile Hookah Art. 

Vi aspettiamo numerosi!

L’evento è organizzato in collaborazione con Carla Disperati dell’InterNations Group Consul.

Dove: 
Narghile Hookah Art
Via Giuseppe Bonaccorsi 32, Roma
Metro Valle Aurelia

Quando: 
Giovedì 6 Ottobre
dalle ore 20.00

Promozione speciale: Corso di Russo di gruppo Livello Base a Roma

OFFERTA VALIDA FINO AL 23 SETTEMBRE 2016

Ti piacerebbe imparare il russo? Iscriviti al nostro corso base e risparmia fino a € 100! Tariffa speciale a € 10 l’ora anziché € 15, e la prima lezione te la regaliamo noi

Scegli la formula più adatta alle tue esigenze: 

  • 2 lezioni a settimana (Lunedì + Mercoledì oppure Martedì + Giovedì) 

oppure

  • 1 lezione a settimana (Venerdì) 

Orario: 

  • Dalle 20 alle 21 

L'offerta è valida sia per privati sia per aziende, indipendentemente dal numero dei partecipanti. Affrettati, i posti disponibili sono limitati! 

Cena russa al Ristorante Matrioska

Corso di Russo Roma ha il piacere di invitarvi a una serata a base di tipici sapori russi!
Assaggerete piatti tipici come il caviale, tipici antipasti russi (insalata d'aringa, insalata di legumi cotti) le frittelle con il salmone e alcune pietanze a base di pesce (seccato, salato o affumicato) e di carne. Un’occasione imperdibile per scoprire il vero cibo tradizionale ed approfondire la cultura russa. 

LA CENA SARÀ ACCOMPAGNATA DA UNA SFILATA DI MODA

 

  • INFORMAZIONI 

Data: 30 maggio 2016
Costo: 23 € a persona
Luogo: Ristorante "Matrioska" - Via Della Collina Volpi 6, 00145 Roma (a pochi passi dalla Metro Basilica San Paolo) 
Prenotazione: obbligatoria tramite email (info@corsodirussoroma.it) o telefono (346.7961313) entro il 23 maggio
 

  • MENU 

Antipasti tipici russi 
Insalata di aringa (салат «Под шубой»
Insalata russa (салат «Оливье»

Insalata di legumi cotti («винегрет»
Salmone marinato alla russa («лосось маринованный»
Aringa con patate lesse («селедка с картошкой»
Pane di segale («Бородинский хлеб») con lardo 

Primi piatti
Pel'meni, tortelloni ripieni di carne mista («пельмени со свининой»
Vareniki, specie di ravioli con funghi («вареники c картошкой и грибами»

Secondi
Riso Pilaf con carne mista («плов с бараниной и говядиной»

Dolci
Crêpes al miele, alla ciliegia o al papavero («блинчики в медом, вишней или маком»

Bevande incluse
Acqua
Vodka di Betulla (50ml) 
Vino rosso o bianco a scelta
Caffè 
Tè 
Bevande al bar 

I proverbi russi: un concentrato di saggezza popolare

TESTO IN ITALIANO

Un proverbio russo dice «Лес рубят - щепки летят», ovvero: «Quando si abbattono gli alberi, le schegge volano». In inglese esiste un equivalente di questo proverbio «A cat in gloves catches no mice», ossia «A volte non si può ottenere ciò che si vuole comportandosi in modo premuroso e gentile». In italiano il proverbio russo «Лес рубят - щепки летят» viene spesso tradotto con: «Non si può fare una frittata senza rompere qualche uovo» (in russo «Не бывает никакой спешки, чтоб не разбить яиц»). 

Questo proverbio russo non indica però un’azione svolta in fretta, come nel caso della frittata; gli alberi infatti si abbattono in modo sistematico e coerente, in quanto si tratta di lavoro importante e di grande responsabilità. Questo proverbio allude quindi a un lavoro che richiede un grande impegno (può trattarsi di un lavoro fisico, mentale o spirituale), un compito di cui dobbiamo accettare il peso se vogliamo ottenere successo. 

Compiere un grande lavoro richiede sacrifici, pertanto chi è intorno a noi può risentirne: è a loro che si riferisce la seconda parte del proverbio, “le schegge volano”, in quanto l’importanza del compito che si sta svolgendo fa passare tutto in secondo piano e coloro che si trovano intorno a noi devono, metaforicamente parlando, ripararsi dalle schegge che potrebbero colpirli facendo loro del male. 

Un perfetto esempio esplicativo di questo proverbio possiamo trovarlo nel romanzo di Lev Tolstoj "Guerra e pace" (1863 - 1869), Volume 3, parte II, XV, quando al generale Kutuzov viene segnalato che i soldati hanno falciato l'avena sul prato. Lui risponde: "Non ho dato io il comando, e non ho consentito loro di tagliare il grano e bruciare la legna, ma facciano lo stesso! Senza questo non si può! Quando si abbattono gli alberi, le schegge volano». 

 

TESTO IN RUSSO

Читать текст по-русски:
"Лес рубят - щепки летят". “Quando si abbattono gli alberi le schegge volano». Так гласит русская народная пословица. Аналог находим в английском языке «A cat in gloves catches no mice», то есть «Sometimes you cannot get what you want by being careful and polite». 
Однако эту поговорку часто переводят на итальянский язык, как «Non si fa nessuna frittata senza rompere le uova» («Не бывает никакой спешки, чтоб не разбить яиц»). 

Верно ли это? В русской поговорке речь идет отнюдь не о спешке. Лес рубят планомерно и последовательно, так как это, как правило, важное и ответственное занятие, большое дело.
И в самом деле, большое дело не бывает без потерь. Не будучи готовым принять самые радикальные, порой даже жесткие меры в деле, будь то физический, умственный или духовный труд, вряд ли добьешься какого-то успеха. Кроме того, в большом деле не бывает без ошибок, недостатков и жертв. 

При больших событиях часто страдают маленькие дела и люди. Зачастую на них при этом не обращают никакого внимания, потому что большое дело важнее. Примером может служить революция или реформа. Поэтому если творится что-то глобальное, жди беды – обычным людям нужно искать укрытие, потому что «щепки» попадут в них.
Пример, в романе Льва Толстого "Война и мир" (1863 - 1869 гг.), Том 3, часть II, XV – генералу Кутузову докладывают о том, что солдаты скосили овес. Он отвечает: "Пуская косят хлеба и жгут дрова на здоровье. Я этого не приказываю и не позволяю, но и взыскивать не могу. Без этого нельзя. Дрова рубят – щепки летят."

Il Giorno della Vittoria: una festa per ricordare la sconfitta della Germania

La Grande Guerra per la Patria dell'Unione Sovietica contro la Germania nazista e i suoi alleati in Europa e in Asia (1941-1945) fu parte integrante e importante della Seconda Guerra Mondiale. 
Per la sua portata e intensità, la quantità e la qualità delle attrezzature militari, l’enorme perdita di vite umane e la distruzione dei paesi coinvolti, la Seconda Guerra Mondiale – per durata e numero di stati coinvolti - ha superato tutte le guerre precedenti. I combattimenti ebbero luogo in Europa, Asia e Africa, per un totale di 40 stati. I combattimenti in Europa ebbero un ruolo importante, ma lo scontro decisivo fu senza dubbio quello sovietico-tedesco. 

Gli stati partecipanti all'ultima guerra subirono enormi perdite umane e materiali, con più di 50 milioni di morti. Il prezzo più alto fu pagato dall’Unione Sovietica, sulle cui spalle cadde l'onere principale della lotta. Il popolo sovietico perse più di 20 milioni dei suoi figli e figlie, caduti sul campo di battaglia durante l'assedio delle città e dei bombardamenti aerei, uccisi e torturati dai nazisti nel territorio sovietico occupato e anche nei campi di concentramento. 

Durante la guerra, l'Unione Sovietica divenne il centro di attrazione per tutte le forze amanti della libertà, il nucleo attorno al quale si riunirono tutte le nazioni cadute sotto il giogo del Fascismo e coloro che erano a rischio di cattura. Insieme alle forze democratiche in Polonia, Cecoslovacchia, Jugoslavia e Albania, l’Unione Sovietica contrastò la macchina militare del blocco fascista, dando la libertà e l'indipendenza nazionale ai popoli di questi paesi. L'URSS liberò la Romania, Bulgaria e Ungheria, i paesi-satelliti della Germania nella Seconda Guerra Mondiale, appoggiandosi alle forze interne delle nazioni antifasciste di questi paesi. L'Armata Rossa liberò il popolo tedesco e austriaco. La sconfitta dell'esercito di Hitler portò alla caduta del regime nazista e la dissoluzione dell’omonimo partito in Germania. 

L’Unione Sovietica fu il paese più attivo e coerente contro gli invasori nazisti; un cambiamento fondamentale in tutta la Seconda Guerra Mondiale ebbe luogo sul fronte sovietico-tedesco. La sconfitta delle forze naziste vicino alla città di Stalingrado diede una scossa al fondamento della macchina da guerra di Hitler e della Germania nazista nel suo complesso. In particolare, la battaglia di Kursk mise l'esercito tedesco fascista nella catastrofe totale. 

La valutazione oggettiva delle azioni dell'Armata Rossa, priva delle considerazioni diplomatiche, è contenuta nella corrispondenza segreta con Franklin D. Roosevelt e Winston Churchill nei documenti ufficiali di Eisenhower, pubblicati negli Stati Uniti tra 1970-1975. In una lettera a Churchill 16 aprile 1944, Roosevelt scrisse: "Dobbiamo rendere omaggio ai magnifici successi delle armate sovietiche." Alla fine della guerra Eisenhower nel rapporto segreto osservò: "La vittoria dell'Armata Rossa durante i 3 anni e mezzo della guerra è di grande importanza per le Nazioni Unite."  
Il 27 settembre 1944 in un messaggio a Stalin Churchill scrisse: "Colgo l'occasione per ripetere domani alla Camera dei Comuni quello che ho detto in precedenza, che è stato l'esercito russo a strappare le budella della macchina da guerra tedesca e a frenare sul suo fronte le forze incomparabilmente maggiori del nemico." 

In effetti, le forze armate sovietiche durante la guerra distrussero, catturarono e sconfissero 506,5 divisioni tedesche. Inoltre, inflissero importanti sconfitte a circa 100 divisioni satelliti della Germania (gli Alleati sconfissero in Europa Occidentale, Nord Africa e l'Italia, non più di 176 divisioni tedesche). Sul fronte sovietico-tedesco fu distrutta la maggior parte delle attrezzature militari del nemico fino al 75% delle sue perdite totali di carri armati e fucili d'assalto, oltre il 75% di tutte le perdite di aeromobili, 74% delle perdite totali di artiglieria. 

Il ruolo decisivo dell'Armata Rossa nella sconfitta del Nazismo è riconosciuto da molti leader dei paesi che ne hanno subito il regime. Nel 1944 Charles de Gaulle dichiarò: "I francesi sanno cosa ha fatto per loro la Russia sovietica, e sanno esattamente che la Russia sovietica ha svolto un ruolo importante nella loro liberazione." 

A proposito della Grande Vittoria della Russia sovietica nella Grande Guerra per la Patria, la studentessa russa Avdeeva Ekaterina scrive: 
"Sono passati i 70 anni dalla fine della Grande Guerra Patriottica, ma la sua eco ancora risuona nell’animo umano. Non possiamo dimenticare gli orrori della guerra. Non possiamo dimenticare i soldati che sono morti per il bene di noi che viviamo oggi. Dobbiamo ricordare tutto... abbiamo ricordi della più terribile guerra che ha toccato ogni famiglia, tramandati di generazione in generazione. 

La guerra ha lasciato il segno nella mia famiglia. Il mio bisnonno, Shvakin Mikhail, che ha vissuto nel villaggio di Rybinsk della regione Kursk, nel 1941 fu chiamato a difendere la nostra Patria. Quando andò al fronte lasciò un figlio e due figlie, una delle quali era la mia nonna. Combattè nella fanteria sotto il comando del maresciallo Rokossovsky. Nel 1942 anche il suo figlio 16enne, Leonid, fu arruolato. Così il destino decretò che entrambi partecipassero alla liberazione della città di Königsberg, ma non s’incontrarono mai. Durante i combattimenti, entrambi furono feriti e ricoverati in ospedale, ma ancora una volta il destino li separò. Parteciparono alla liberazione della Polonia, Cecoslovacchia e delle città tedesche. Il mio bisnonno ricevette molte medaglie militari, che ora sono i nostri cimeli di famiglia. 

Il Giorno della Vittoria è e deve rimanere la festa più radiosa. Coloro che hanno sacrificato la loro vita, ci hanno dato l'opportunità di vivere sotto un cielo sereno. Dobbiamo tenerlo bene a mente. Sono orgogliosa del mio bisnonno, grazie al suo eroismo e alle centinaia di altri soldati il Nazismo è stato sconfitto! 

M’inchino a te. Un semplice soldato, un vero eroe." 

In occasione della Giornata della Vittoria in tutto il paese si marcia verso monumenti della Gloria, come la Tomba del Milite Ignoto e i monumenti alle vittime del Nazismo, portando fiori e corone con iscrizioni: "Eterna memoria per le vittime della Patria", "Nessuno è dimenticato e niente è dimenticato", “Il tuo nome è sconosciuto ma la tua gloria è immortale".
Nei luoghi associati alla memoria del conflitto si riuniscono i veterani di guerra, molti dei quali si presentano con la vecchia divisa militare e con delle medaglie appuntate sul petto, portando con sé figli e nipoti. Spesso, il 9 Maggio è la prima giornata calda di Primavera, così molte persone in questo giorno vanno fuori a fare una passeggiata per le loro città in festa e fanno visita ai veterani di guerra. A Mosca e in altre grandi città, la giornata si conclude con i fuochi d'artificio.

Il 9 Maggio, più spesso che negli altri giorni, si possono ascoltare le canzoni "Nel rifugio sotterraneo" (in russo “В землянке”), "La notte oscura" (“Тёмная ночь”), "Foulard blu" (“Синий платочек”). E non può mancare la canzone "Giorno della Vittoria" (“День Победы"), scritta diversi decenni dopo la guerra, che è diventata l'inno della festa. 

Текст песни «День победы» 

День Победы, как он был от нас далёк, 
Как в костре потухшем таял уголёк. 
Были вёрсты, обгорелые, в пыли – 
Этот день мы приближали как могли. 

Этот День Победы 
Порохом пропах, 
Это праздник 
С сединою на висках. 
Это радость 
Со слезами на глазах. 
День Победы! 
День Победы! 
День Победы! 

Дни и ночи у мартеновских печей 
Не смыкала наша Родина очей. 
Дни и ночи битву трудную вели – 
Этот день мы приближали как могли. 

Этот День Победы… 
Порохом пропах, 
Это праздник 
С сединою на висках. 
Это радость 
Со слезами на глазах. 
День Победы! 
День Победы! 
День Победы! 
Здравствуй, мама, возвратились мы не всё... 
Босиком бы пробежаться по росе! 
Пол-Европы, прошагали, пол-Земли – 
Этот день мы приближали как могли. 

Этот День Победы… 
Порохом пропах, 
Это праздник 
С сединою на висках. 
Это радость 
Со слезами на глазах. 
День Победы! 
День Победы! 
День Победы! (2x) 
 

Traduzione "Giorno della vittoria"

Giorno della Vittoria è stato così lontano da noi, 
Come un pezzo di carbone, fumante nelle ceneri, 
Passando molti chilometri, tra la polvere e il fuoco, 
Per questo giorno abbiamo combattuto con tutte le nostre forze! 

Questo Giorno della Vittoria
Gli odori di polvere di fumo, 
Questa celebrazione - 
Color argento con i templi. 
Questa gioia - 
Con le lacrime sugli occhi. 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 

Notti e giorni davanti ai forni Martin
La nostra Patria non chiuso gli occhi. 
Giorni, notti, abbiamo introdotto la grande battaglia - 
Per questo giorno abbiamo combattuto con tutte le nostre forze! 

Questo Giorno della Vittoria
Gli odori di polvere di fumo, 
Questa celebrazione - 
Color argento con i templi. 
Questa gioia - 
Con le lacrime sugli occhi. 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 

Ciao, mamma, non siamo riusciti tornare tutti a casa... 
Che bello correre sulla rugiada a piedi nudi! 
La metà dell'Europa, la metà del mondo abbiamo attraversato con la marcia - 
Per questo giorno abbiamo combattuto con tutte le nostre forze! 

Questo Giorno della Vittoria
Gli odori di polvere di fumo, 
Questa celebrazione
Color argento con i templi. 
Questa gioia
Con le lacrime sugli occhi. 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! (2x) 

Promozione Corso di Russo di gruppo Livello Base

Promozione estiva valida fino al 31 Maggio 2016!

Quest’estate regalati un corso di russo e risparmia fino a € 100! Iscriviti al corso di russo livello base entro il 31 Maggio 2016 e potrai usufruire della nostra tariffa speciale: € 14 l’ora anziché € 19, e la prima lezione te la regaliamo noi! L'offerta è valida sia per privati sia per aziende, indipendentemente dal numero dei partecipanti. 

Affrettati, i posti disponibili sono limitati!