STORIA RUSSA

Il Giorno della Vittoria: una festa per ricordare la sconfitta della Germania

La Grande Guerra per la Patria dell'Unione Sovietica contro la Germania nazista e i suoi alleati in Europa e in Asia (1941-1945) fu parte integrante e importante della Seconda Guerra Mondiale. 
Per la sua portata e intensità, la quantità e la qualità delle attrezzature militari, l’enorme perdita di vite umane e la distruzione dei paesi coinvolti, la Seconda Guerra Mondiale – per durata e numero di stati coinvolti - ha superato tutte le guerre precedenti. I combattimenti ebbero luogo in Europa, Asia e Africa, per un totale di 40 stati. I combattimenti in Europa ebbero un ruolo importante, ma lo scontro decisivo fu senza dubbio quello sovietico-tedesco. 

Gli stati partecipanti all'ultima guerra subirono enormi perdite umane e materiali, con più di 50 milioni di morti. Il prezzo più alto fu pagato dall’Unione Sovietica, sulle cui spalle cadde l'onere principale della lotta. Il popolo sovietico perse più di 20 milioni dei suoi figli e figlie, caduti sul campo di battaglia durante l'assedio delle città e dei bombardamenti aerei, uccisi e torturati dai nazisti nel territorio sovietico occupato e anche nei campi di concentramento. 

Durante la guerra, l'Unione Sovietica divenne il centro di attrazione per tutte le forze amanti della libertà, il nucleo attorno al quale si riunirono tutte le nazioni cadute sotto il giogo del Fascismo e coloro che erano a rischio di cattura. Insieme alle forze democratiche in Polonia, Cecoslovacchia, Jugoslavia e Albania, l’Unione Sovietica contrastò la macchina militare del blocco fascista, dando la libertà e l'indipendenza nazionale ai popoli di questi paesi. L'URSS liberò la Romania, Bulgaria e Ungheria, i paesi-satelliti della Germania nella Seconda Guerra Mondiale, appoggiandosi alle forze interne delle nazioni antifasciste di questi paesi. L'Armata Rossa liberò il popolo tedesco e austriaco. La sconfitta dell'esercito di Hitler portò alla caduta del regime nazista e la dissoluzione dell’omonimo partito in Germania. 

L’Unione Sovietica fu il paese più attivo e coerente contro gli invasori nazisti; un cambiamento fondamentale in tutta la Seconda Guerra Mondiale ebbe luogo sul fronte sovietico-tedesco. La sconfitta delle forze naziste vicino alla città di Stalingrado diede una scossa al fondamento della macchina da guerra di Hitler e della Germania nazista nel suo complesso. In particolare, la battaglia di Kursk mise l'esercito tedesco fascista nella catastrofe totale. 

La valutazione oggettiva delle azioni dell'Armata Rossa, priva delle considerazioni diplomatiche, è contenuta nella corrispondenza segreta con Franklin D. Roosevelt e Winston Churchill nei documenti ufficiali di Eisenhower, pubblicati negli Stati Uniti tra 1970-1975. In una lettera a Churchill 16 aprile 1944, Roosevelt scrisse: "Dobbiamo rendere omaggio ai magnifici successi delle armate sovietiche." Alla fine della guerra Eisenhower nel rapporto segreto osservò: "La vittoria dell'Armata Rossa durante i 3 anni e mezzo della guerra è di grande importanza per le Nazioni Unite."  
Il 27 settembre 1944 in un messaggio a Stalin Churchill scrisse: "Colgo l'occasione per ripetere domani alla Camera dei Comuni quello che ho detto in precedenza, che è stato l'esercito russo a strappare le budella della macchina da guerra tedesca e a frenare sul suo fronte le forze incomparabilmente maggiori del nemico." 

In effetti, le forze armate sovietiche durante la guerra distrussero, catturarono e sconfissero 506,5 divisioni tedesche. Inoltre, inflissero importanti sconfitte a circa 100 divisioni satelliti della Germania (gli Alleati sconfissero in Europa Occidentale, Nord Africa e l'Italia, non più di 176 divisioni tedesche). Sul fronte sovietico-tedesco fu distrutta la maggior parte delle attrezzature militari del nemico fino al 75% delle sue perdite totali di carri armati e fucili d'assalto, oltre il 75% di tutte le perdite di aeromobili, 74% delle perdite totali di artiglieria. 

Il ruolo decisivo dell'Armata Rossa nella sconfitta del Nazismo è riconosciuto da molti leader dei paesi che ne hanno subito il regime. Nel 1944 Charles de Gaulle dichiarò: "I francesi sanno cosa ha fatto per loro la Russia sovietica, e sanno esattamente che la Russia sovietica ha svolto un ruolo importante nella loro liberazione." 

A proposito della Grande Vittoria della Russia sovietica nella Grande Guerra per la Patria, la studentessa russa Avdeeva Ekaterina scrive: 
"Sono passati i 70 anni dalla fine della Grande Guerra Patriottica, ma la sua eco ancora risuona nell’animo umano. Non possiamo dimenticare gli orrori della guerra. Non possiamo dimenticare i soldati che sono morti per il bene di noi che viviamo oggi. Dobbiamo ricordare tutto... abbiamo ricordi della più terribile guerra che ha toccato ogni famiglia, tramandati di generazione in generazione. 

La guerra ha lasciato il segno nella mia famiglia. Il mio bisnonno, Shvakin Mikhail, che ha vissuto nel villaggio di Rybinsk della regione Kursk, nel 1941 fu chiamato a difendere la nostra Patria. Quando andò al fronte lasciò un figlio e due figlie, una delle quali era la mia nonna. Combattè nella fanteria sotto il comando del maresciallo Rokossovsky. Nel 1942 anche il suo figlio 16enne, Leonid, fu arruolato. Così il destino decretò che entrambi partecipassero alla liberazione della città di Königsberg, ma non s’incontrarono mai. Durante i combattimenti, entrambi furono feriti e ricoverati in ospedale, ma ancora una volta il destino li separò. Parteciparono alla liberazione della Polonia, Cecoslovacchia e delle città tedesche. Il mio bisnonno ricevette molte medaglie militari, che ora sono i nostri cimeli di famiglia. 

Il Giorno della Vittoria è e deve rimanere la festa più radiosa. Coloro che hanno sacrificato la loro vita, ci hanno dato l'opportunità di vivere sotto un cielo sereno. Dobbiamo tenerlo bene a mente. Sono orgogliosa del mio bisnonno, grazie al suo eroismo e alle centinaia di altri soldati il Nazismo è stato sconfitto! 

M’inchino a te. Un semplice soldato, un vero eroe." 

In occasione della Giornata della Vittoria in tutto il paese si marcia verso monumenti della Gloria, come la Tomba del Milite Ignoto e i monumenti alle vittime del Nazismo, portando fiori e corone con iscrizioni: "Eterna memoria per le vittime della Patria", "Nessuno è dimenticato e niente è dimenticato", “Il tuo nome è sconosciuto ma la tua gloria è immortale".
Nei luoghi associati alla memoria del conflitto si riuniscono i veterani di guerra, molti dei quali si presentano con la vecchia divisa militare e con delle medaglie appuntate sul petto, portando con sé figli e nipoti. Spesso, il 9 Maggio è la prima giornata calda di Primavera, così molte persone in questo giorno vanno fuori a fare una passeggiata per le loro città in festa e fanno visita ai veterani di guerra. A Mosca e in altre grandi città, la giornata si conclude con i fuochi d'artificio.

Il 9 Maggio, più spesso che negli altri giorni, si possono ascoltare le canzoni "Nel rifugio sotterraneo" (in russo “В землянке”), "La notte oscura" (“Тёмная ночь”), "Foulard blu" (“Синий платочек”). E non può mancare la canzone "Giorno della Vittoria" (“День Победы"), scritta diversi decenni dopo la guerra, che è diventata l'inno della festa. 

Текст песни «День победы» 

День Победы, как он был от нас далёк, 
Как в костре потухшем таял уголёк. 
Были вёрсты, обгорелые, в пыли – 
Этот день мы приближали как могли. 

Этот День Победы 
Порохом пропах, 
Это праздник 
С сединою на висках. 
Это радость 
Со слезами на глазах. 
День Победы! 
День Победы! 
День Победы! 

Дни и ночи у мартеновских печей 
Не смыкала наша Родина очей. 
Дни и ночи битву трудную вели – 
Этот день мы приближали как могли. 

Этот День Победы… 
Порохом пропах, 
Это праздник 
С сединою на висках. 
Это радость 
Со слезами на глазах. 
День Победы! 
День Победы! 
День Победы! 
Здравствуй, мама, возвратились мы не всё... 
Босиком бы пробежаться по росе! 
Пол-Европы, прошагали, пол-Земли – 
Этот день мы приближали как могли. 

Этот День Победы… 
Порохом пропах, 
Это праздник 
С сединою на висках. 
Это радость 
Со слезами на глазах. 
День Победы! 
День Победы! 
День Победы! (2x) 
 

Traduzione "Giorno della vittoria"

Giorno della Vittoria è stato così lontano da noi, 
Come un pezzo di carbone, fumante nelle ceneri, 
Passando molti chilometri, tra la polvere e il fuoco, 
Per questo giorno abbiamo combattuto con tutte le nostre forze! 

Questo Giorno della Vittoria
Gli odori di polvere di fumo, 
Questa celebrazione - 
Color argento con i templi. 
Questa gioia - 
Con le lacrime sugli occhi. 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 

Notti e giorni davanti ai forni Martin
La nostra Patria non chiuso gli occhi. 
Giorni, notti, abbiamo introdotto la grande battaglia - 
Per questo giorno abbiamo combattuto con tutte le nostre forze! 

Questo Giorno della Vittoria
Gli odori di polvere di fumo, 
Questa celebrazione - 
Color argento con i templi. 
Questa gioia - 
Con le lacrime sugli occhi. 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 

Ciao, mamma, non siamo riusciti tornare tutti a casa... 
Che bello correre sulla rugiada a piedi nudi! 
La metà dell'Europa, la metà del mondo abbiamo attraversato con la marcia - 
Per questo giorno abbiamo combattuto con tutte le nostre forze! 

Questo Giorno della Vittoria
Gli odori di polvere di fumo, 
Questa celebrazione
Color argento con i templi. 
Questa gioia
Con le lacrime sugli occhi. 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! 
Giorno della Vittoria! (2x) 

Il giorno dei cosmonauti

Il 12 Aprile 1961 Jurij Gagarin, a bordo della nave spaziale Vostok, diventò il primo uomo a viaggiare nello spazio. Nel corso degli anni, l'Unione Sovietica ha progettato diverse stazioni e complessi orbitali spaziali polivalenti pilotati dall'uomo. 

Il primo scienziato a teorizzare la possibilità di volo nello spazio fu alla fine del XIX secolo lo scienziato russo Konstantine Tsiolkovsky, alla fin del XIX secolo. Le prime ricerche sui viaggi interplanetari furono compiute dai suoi studenti nel 1924. 

Il primo satellite artificiale fu lanciato dagli scienziati sovietici il 4 ottobre 1657, sotto la guida di Sergej Korolëv; il modello oggi è conservato presso le Nazioni Unite. La data del lancio del satellite è universalmente considerata l'inizio dell'era spaziale. 

Il primo passeggero a bordo di un satellite fu il famoso cane russo Laika. La missione non prevedeva il rientro e il cane rimase in vita nel satellite artificiale soltanto per pochi giorni. Nell'agosto 1960 furono mandati nello spazio altri due cani, Belka e Strelk: al termine della missione, gli animali tornarono sulla Terra sani e salvi. 

La prima donna cosmonauta della storia è stata Valentina Tereshkova, partita per lo spazio a bordo della nave Vostok 6, il 16 giugno 1963. 

Fu il 12 Aprile 1961 ad imprimersi però nella memoria collettiva e nella storia dell’umanità: quel giorno, dal cosmodromo di Baikonur il veicolo spaziale Vostok 1 partì con a bordo il primo cosmonauta della storia, Jurij Gagarin. Tutti ricordano ancora il suo famoso “Поехали!”, che in russo significa “Andiamo!”. Nell’arco di 1 ora e 48 minuti Gagarin percorse l’orbita della Terra e atterrò in sicurezza in prossimità del villaggio Smelovka, nel quartiere Ternovo della regione di Saratov. 

Prima del volo di Gagarin furono fatti cinque prove. Esse dimostrarono che il cosmo non perdona il minimo errore: la prima nave non riuscì ad atterrare sulla Terra e percorse un’altra orbita per poi scomparire nello spazio. Il secondo lancio ebbe successo, ma il lancio della terza nave Vostok avvenuto nel 1960 non fu altrettanto fortunato e la macchina prese fuoco durante il viaggio di rientro. 

La Federazione Internazionale Aeronautica (FAI) celebra il 12 Aprile il giorno mondiale del trasporto aereo e della cosmonautica. Con il decreto emesso dal Soviet Supremo dell'URSS, dal 9 Aprile 1962 la giornata è diventata Festa Nazionale. 

*Per vedere i sottotitoli in italiano: IMPOSTAZIONI >> click su SOTTOTITOLI, click su RUSSO, click su TRADUZIONE AUTOMATICA, scegliere poi ITALIANO

La Siberia nel destino della Russia

La Siberia viene spesso associata alle terre sperdute, al clima severo e ai luoghi di deportazione. Chi conosce poco la Russia è portato a pensare che la Siberia sia una terra abbandonata, dove regnano il gelo e le bestie feroci. Ciò che colpisce della Siberia sono soprattutto le sconfinate dimensioni: occupa infatti ben due terzi della Russia e si estende dai monti Urali fino all'Oceano Pacifico. A Nord si affaccia sul Mare Glaciale Artico, mentre a Sud confina con il Kazakistan, la Mongolia e la Cina. È attraversata da otto fusi orari e ospita diverse aree naturali: il deserto artico, la tundra, la pianura, i boschi, le montagne, la steppa e la taiga. È percorsa da numerosi fiumi come l'Ob, il Jenissej e la Lena; il lago Bajkal ospita circa un quinto della fauna acquatica del nostro pianeta

La Siberia ha un clima continentale molto rigido. L'inverno dura circa 5-8 mesi l'anno e la temperatura a -40°, -50° è considerata normale. L'estate può essere molto calda: nella zona del lago Bajkal per esempio le giornate di sole sono più calde che a sud. Il nome "Siberia" deriva dal nome della capitale del paese dei Tartari Siberiani. La popolazione indigena è composta dalle tribù di Mongoli che nel XIV–XVI secolo si dedicavano alla caccia, alla pesca e all'allevamento di bestiame. 

Dall'XI secolo i Russi stabilirono rapporti commerciali con gli indigeni che risiedevano poco distanti dai monti Urali. I mercanti di Novgorod portarono nella Siberia Occidentale stoffe e strumenti di lavoro scambiandoli con delle pellicce, mentre alla fine del XVI secolo i mercanti e gli industriali russi cominciarono a costruire le fortezze lungo i fiumi Ob e Irtish. Per salvaguardare i loro possedimenti dagli assalti del Khan siberiano Kuchum assoldarono una formazione di Cosacchi di Ermak. Grazie alla compagnia di Ermak i Russi costruirono sulle terre conquistate dai Khan siberiani le prime città: Tjumén e Tobolsk. Nel 1639 raggiunsero il Mar Okhotsk a nord della Jacuzia, nella zona Est del continente Euro-Asiatico. Da allora in Siberia arrivarono altri flussi di immigrati, principalmente contadini e artigiani che scappavano dal giogo dei Bojardi per vivere liberamente. 
I russi portarono in Siberia la coltivazione della terra con l'aratro e l'allevamento di bestiame, insieme a forme di economia più moderne come il commercio e, più tardi, l'industria. La popolazione indigena della Siberia cominciò a coltivare gli ortaggi, allevare i cavalli e a fare apicoltura, imparando a vivere nelle izbà (case russe contadine) e a utilizzare i mobili. Importarono inoltre le slitte e i carri, oltre alle stoffe e stoviglie per la cucina. 

Oggi in Siberia vivono 25 milioni di abitanti di 50 diversi nazionalità, di cui 30 milioni appartengono alla popolazione indigena siberiana. Altre minoranze sono costituite da ucraini, bielorussi, tartari e moldavi, ma la nazionalità prevalente rimane quella russa. La popolazione della Siberia è aumentata dopo le scoperte di giacimenti di rame e argento, che hanno contribuito allo sviluppo economico del paese. L'estrazione di oro, petrolio e gas ha inoltre acquisito un'importanza sempre più rilevante. 

Dopo la rivoluzione la Siberia ha conosciuto un notevole sviluppo: lungo i fiumi sono state costruite centrali idro-elettriche per portare la luce alle industrie e scaldare le case, e sono state create nuove strade e nuove città con università e teatri. Oggi la Siberia è una regione economicamente autonoma. La scorta di petrolio e gas è talmente grande da assicurare una certa sicurezza alle popolazione russa. Il carbone, i diamanti della Jacuzia, il nichel di Norilsk e la grande estensione di boschi costituiscono l'inestimabile patrimonio della Siberia: l'estrazione di queste ricchezze tuttavia non è affatto facile a causa del gelo perenne, del ghiaccio, delle tormente di neve e della presenza di paludi, boschi molto fitti, monti difficilmente accessibili e fiumi con acqua alta anche in primavera. Ciò rende indispensabile non solo l'uso della tecnologia moderna più avanzata ma anche l'impiego di una notevole manodopera.